/head>

Centro Documentazione Memorie Coloniali e Progetti storici

CDMCIl Centro è nato dall’esperienza dei volontari di Modena per gli Altri (MOXA) e con il coordinamento scientifico di storici dell’Università di Modena e Reggio Emilia, come riflessione sulle odierne forme di solidarietà e cooperazione internazionale in confronto al nostro passato coloniale.

Il centro, ospitato presso la Casa delle Culture di Modena, in via Wiligelmo 80, è luogo di raccolta, catalogazione, archiviazione, studio e divulgazione di materiali documentari e fotografici privati del periodo coloniale italiano nel Corno d’Africa e di altre occupazioni militari italiane in territori stranieri, come quello albanese.

Dotato di attrezzature informatiche e di una biblioteca con volumi e riviste sulla storia coloniale italiana, il CDMC organizza conferenze e convegni che costituiscono momento di approfondimento per studiosi di università e di archivi italiani e stranieri.

foto 1 storiaModena Addis Abeba – Andata e Ritorno (2006 – 07)

Il primo progetto di MOXA in ambito storico fu “Modena Addis Abeba – Andata e Ritorno“.

Il progetto si avvalse della collaborazione dell’associazione HEWO di Maranello, del Museo “RFM Panini” e del Museo Civico, della consulenza di docenti universitari e fu realizzato grazie al cofinanziamento della Fondazione della Cassa di Risparmio di Modena.

Modena Addis Abeba – Andata e Ritorno” è una ricerca storica con lo scopo di approfondire e diffondere la conoscenza delle esperienze dei modenesi in Etiopia e in generale nel Corno d’Africa dalla fine dell’800 ai giorni nostri con particolare riferimento agli anni dell’Impero (1935-1941). Iniziò con una raccolta di documenti e di foto da parte di privati cittadini e si concluse con un seminario, con due mostre, una al Museo “RFM Panini” e l’altra al Museo Civico e con la pubblicazione di un libro “Sognando L’impero” scritto dal Prof paolo Bertella Farnetti.

“Restituzione e Condivisione della Memoria” (2009 – 10)

Si tratta di un progeetto pilota che MOXA realizzò per restituire la memoria storica dell’impero italiano in Africa orientale attraverso la duplicazione dei materiali documentari raccolti e la loro donazione all’Università di Addis Abeba, all’Istituto Italiano di Cultura di Addis Abeba, all’Istituto Storico di Modena e al Fotomuseo Panini. Il progetto vide in mostra all’ITC di Addis Abeba una parte dei materiali raccolti e in quell’occasione fu presentato anche il catalogo “Returning memories Pier Luigi Remaggi in Axum, 1935-36”.

Attraverso la digitalizzazione di foto e documenti provenienti da archivi privati modenesi è stato possibile donare agli studiosi etiopi alcuni frammenti di un archivio a loro mancante di un passato comune per entrambe le nazioni (1935-1941) e proporre alla nostra città iniziative culturali di grande interesse. Si è iniziato così a costituire un fondo archivistico a disposizione degli studiosi, degli studenti e del pubblico etiope e italiano.

Memorie coloniali

Si tratta del progetto che portò alla costituzione del CDMC e che si sviluppò con una serie di conferenze e di seminari sulla storia delle occupazioni italiane fra Otto e Novecento: ”Italie coloniali. Storie, memorie, rappresentazioni”, organizzati dell’Istituto Storico di Modena e da MOXA con la collaborazione di ANMIG Modena, ANPI Modena, Associazione HEWO-Modena, Casa delle Culture di Modena, Addis Ababa University e con il patrocinio del Comune di Modena.

Oltre a queste attività, alla Casa delle Culture fu inaugurato lo spazio ‘Memorie Coloniali’, che poi ha dato vita al Centro di Documentazione.

Il Progetto, cofinanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, nacque anche per consentire a Modena di continuare ad essere il centro propulsore di un progetto nazionale di recupero e condivisione della memoria coloniale.

CDMC_moxz_estCDMC_moxz_intITALIA – ALBANIA due sponde dello stesso mare

E una continuazione del progetto sul recupero delle memorie private delle occupazioni militari e non solo. Una storia tutta da riscoprire, quella delle relazioni fra Italia ed Albania durante tutto il XX secolo. Come già per il progetto “Italia Addis Abeba andata e ritorno”, così il progetto ITALIA – ALBANIA due sponde dello stesso mare è dedicato alle relazioni fra i due paesi dalla fine dell’800 all’invasione italiana nella II guerra mondiale, fino all’emigrazione verso l’Italia di centinaia di migliaia di albanesi

www.memoriecoloniali.org